#libridamangiare, Food Lovers edition: Il profumo del pane alla lavanda

Buongiorno coinquilini del Civico! Questa mattina comincia con una delle rubriche più amate, da voi e da me, #libridamangiare, in una nuova versione che accompagnerà quella classica: la “Chef & Food lovers edition”. Vi dico subito che amo questo progetto perché crea collaborazioni nuove con gli amanti del cibo e della lettura e con alcuni dei blogger che seguo con più piacere.

Sono molto felice che questa nuova “edizione” di #libridamangiare cominci con la ricetta e con il libro scelto da una blogger che riempie di dolcezza e gentilezza la bacheca di Instagram, sto parlando di Serena di Petitpatisserie. Le sue ricette racchiudono un tocco romantico, la bontà si fonde con la bellezza ed è inevitabile immaginarne il profumo.

Io Serena l’ho conosciuta su Instagram, ed è vero quello che si dice di questo social, è il più “vero”, il più immediato e permette di incontrare bellissime persone con le tue stesse passioni, Serena è proprio una di queste. Quando le ho chiesto se voleva inaugurare questo nuovo spazio la sua risposta è stata super positiva e propositiva e il risultato ragazzi è entusiasmante davvero, mi sono innamorata delle sue Petite Madeleine al profumo di lavanda e non vedo l’ora di leggere “Il profumo del pane alla lavanda”. 

Vi lascio alle parole di Serena e alla sua meravigliosa ricetta:

madeline lavanda 3

“Il profumo del pane alla lavanda” è un libro magico , scritto da Sarah Addison Allen, dove la cucina si intreccia con i poteri di fiori, frutti ed erbe aromatiche.
Ricordo ancora il giorno in cui, “lui”, mi ha scelto. Non ha avuto nemmeno bisogno di presentarsi. Il titolo e la copertina hanno fatto tutto.
È uno di quei classici libri che non riesci a smettere di leggere ma che  temi di finire perché, con esso, finirebbe la magia che ti ha accompagnato fino a quel momento e le protagoniste lascerebbero – come hanno lasciato – un piccolo vuoto nel cuore.
È un romanzo che parla di donne, delle loro paure, speranze, amori. È una storia che parla di rimpianti e di perdono, dove la realtà e la magia si intrecciano nella cucina: “i nasturzi inducono a mantenere i segreti, le bocche di leone spengono la passione e la lavanda….” .
Claire,la protagonista, vive nella casa della nonna, da cui ha ereditato la capacità di conoscere le proprietà magiche dei frutti e dei fiori. La sua vita tranquilla verrà sconvolta dall’arrivo improvviso della sorella con la sua nipotina. Da lì un verificarsi di eventi che tiene il lettore incollato al libro. Questo romanzo ha fatto rinascere in me la voglia di cucinare , di sperimentare nuove ricette, e mi ha lasciato dentro la convinzione che le piante e le erbe aromatiche, se usate sapientemente, possono davvero essere in grado di produrre magie.
madeline lavanda2
Petite Madeleine al profumo di lavanda

Ingredienti per 9 Petite Madeleine

  • 75 gr farina 00
  • 30 gr zucchero
  • 40 gr burro fuso
  • 1 uovo
  • una punta di cucchiaino di lievito
  • 1/2 cucchiaino di fiori di lavanda per uso alimentare (li trovate agevolmente in erboristeria)
  • 1/2 cucchiaio miele (per me, miele alla lavanda)

Per la finitura

  • 25 gr zucchero semolato
  • 1/2 cucchiaino di fiori di lavanda per uso alimentare

Procedimento

Sbattete l’uovo con una frusta, unite nell’ordine il burro fuso, lo zucchero , la farina ed il lievito setacciati e, infine, il miele e la lavanda, amalgamando gli ingredienti man mano che li andate aggiungendo.

Mescolate bene il composto e fatelo riposare in frigo per circa mezz’ora in una ciotola chiusa con carta pellicola.

Nel frattempo mescolate circa 25 gr di zucchero con mezzo cucchiaino di lavanda , strofinando i fiori con le mani.

Trascorsa la mezz’ora ed aiutandovi con un cucchiaio ed un cucchiaino – o una sac à poche- mettete il composto negli stampini per madeleine, ben imburrati (o negli stampini per muffin).

Non esagerate con il composto perchè tenderà a gonfiare molto in cottura.

Infornate a 180° per circa 10 minuti e comunque fino a quando le madeleine assumeranno la tipica forma rigonfia e risulteranno dorati.

Sfornatele, capovolgetele e spolveratele con un poco dello zucchero aromatizzato dopo averlo filtrato con un colino.

 

N.B.

  • Se non avete lo stampo per Madeleine usate pure gli stampini per muffin.
  • Potete sostituire la lavanda con la buccia grattugiata di un limone o di un’arancia , o con la vanillina.

madeline lavanda

madeline lavanda 4


 

Non sentite anche voi il profumo di lavanda nell’aria? 🙂 Passate dal blog di Serena per scoprire la storia delle Madeleine e di come le ha scelte per associarle al libro.. beh e anche per curiosare tra le sue ricette, sono sicura che vi verrà voglia di preparare un dolce per il week end 🙂
Ricordate che se avete voglia anche voi di farvi ispirare da un libro per una ricetta e di condividere con noi l’esperimento potete postare una foto su Instagram con il libro e la ricetta preparata e aggiungere gli hashtag : #libridamangiare  e #civico30. Ripubblicherò con grande piacere le vostre foto sul profilo Instagram e Facebook del Civico!

Buon fine settimana coinquilini, come sempre.. Enjoy!


Civico30©

ph. credit, ricetta e recensione: Petitpatisserie
Annunci

3 thoughts

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...