Risotto alle erbe aromatiche

Le idee per ricette nuove da testare e rivisitare non arrivano solo dai libri, dalle riviste o dal web, vi è mai capitato di andare in un ristorante e dire: “caspita questo piatto voglio proprio provare  a rifarlo a casa“, sono sicura di sì 😉 E’ quello che è capitato a me quando ho assaggiato il risotto alle erbe aromatiche durante un prova menù per un evento.

risotto alle erbe5_civico30

Quindi, ecco qui la mia versione!

lavagna riso

Partiamo dal principio: le erbe da utilizzare, io non so che erbe ci fossero nel risotto “originale” provato al ristorante, io ho scelto: rosmarino, salvia, menta e timo, anche se quest’ultimo purtroppo non l’avevo fresco, e ho ripiegato sul secco. Comunque sono sicura che si possono scegliere le erbe che più ci piacciono, quindi potete anche provare a variarle.

risotto alle erbe_civico30

risotto alle erbe2_civico30

Per il riso io uso praticamente sempre il carnaroli, non mi ha mai tradita e tiene bene la cottura.

risotto alle erbe3_civico30

Bene, partiamo con la preparazione, che è veramente semplice!

Tritate le erbe finemente al coltello e mettetele da parte, vi serviranno verso la fine della cottura del risotto. Intanto, fate andare il brodo vegetale.

risotto alle erbe4_civico30

Una volta che il brodo sarà pronto, passate alla cottura del risotto.

Tagliate finemente la cipolla (io ho usato quella rossa, perché non avevo quella bianca in casa), fatela andare con un po’ d’olio nella casseruola, la cipolla non dovrà imbiondirsi troppo, aggiungete il riso quando sarà diventata trasparente. Tostate il riso e aggiungete mezzo bicchiere di birra chiara (non avevo il vino bianco in casa, ma la birra è andata benissimo ;)). Fate sfumare l’alcol e cominciate la cottura vera e propria del risotto aggiungendo poco alla volta il brodo, mescolando di tanto in tanto.

Dopo 15 minuti di cottura a fuoco dolce aggiungete le erbe aromatiche e un po’ di pepe nero macinato. Continuate la cottura lenta per due minuti circa. Togliete il risotto dal fuoco e passate alla mantecatura con il burro, in modo che il risotto risulti all’onda.

Io solitamente fermo la cottura prima dei 20 minuti, quindi 17-18 minuti, perché questo permette al riso di arrivare a tavola alla giusta cottura, considerando il tempo necessario per far accomodare tutti gli ospiti, o per passare dall’antipasto al primo, il risotto nella casseruola, infatti, continua la sua cottura anche a fuoco spento. Assaggiate sempre per controllare se vi piace il riso più al dente o meno.

Nel risotto “originale” non c’era il limone, ma io non ci posso fare nulla lo metterei ovunque, e poi secondo me ci sta benissimo 🙂 Quindi dopo aver impiattato grattugiate un po’ di scorza di limone (non trattato) su ciascun piatto, solo la parte gialla, altrimenti si aggiunge un sapore troppo amaro al risotto.

risotto alle erbe7_civico30

risotto alle erbe09_civico30

risotto alle erbe10_civico30

risotto alle erbe11_civico30


Civico30©

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...